Come scegliere strumenti a percussione

Le radici degli strumenti musicali a percussione risalgono agli albori dell’umanità. Già l’uomo preistorico aveva scoperto l’incanto del ritmo e produceva e utilizzava tamburi e nacchere di vario tipo (per i rituali, per comunicare o anche per puro piacere).

Gli strumenti musicali a percussione sono ideali per i bambini. Il ritmo è infatti la prima componente della musica di cui il bambino si impadronisce. Inoltre, vari tipi di tamburi e nacchere sono praticamente parte integrante del corredo giocattolo di ogni bimbo fin dalla nascita.


CONSIGLI PER I PRINCIPIANTI

Ai principianti consigliamo uno strumento molto apprezzato su scala mondiale: il cajón (da pronunciare alla spagnola). Questo cassone o cassetta imita il suono della grancassa (se colpito al centro) oppure di un tamburo piccolo (se colpito ai bordi). Si adatta alla maggior parte degli stili musicali ed è relativamente facile da imparare a suonare.

Se desiderate ricevere consigli di esperti sulla scelta della percussioni, siamo qui per voi. I nostri esperti saranno lieti di consigliarvi sulla scelta al numero di telefono 800 790587 (lu-ve 9:00-17:00) o all’indirizzo e-mail .


Gli strumenti a percussione più in voga:

Tamburi djembe

I tamburi djembe sono molto probabilmente il tipo di percussione più famoso e più utilizzato. Provengono dall’Africa centro-occidentale. La loro forma ricorda un calice e per la maggior parte sono realizzati con un unico pezzo di legno (sul mercato si trovano però anche djembe in materiale composito).

Tamburi conga

Le conga affondano le proprie radici nella cultura africana, ma sono stati principalmente sviluppati in America Latina – sotto l’influenza della sintesi tra cultura africana e spagnola. In generale le conga sono usate a coppie – ovvero 2 tamburi conga uniti su un unico supporto. Si tratta di tamburi relativamente alti – nella parte inferiore sono più stretti, mentre in alto si allargano, per poi restringersi di nuovo sulla loro sommità. La forma della conga ricorda un “sigaro mozzato”.

Cajón

Il cajón è uno strumento a percussione latino-americano che ultimamente sta riscuotendo grandi successi. Come si desume dallo stesso termine spagnolo, si tratta in effetti di un cassone o cassetta. La cassa ha un foro armonico al centro dove, all’interno, sono tirate alcune corde accordabili. La cassa viene colpita con le mani nude. Il suono del cajón dipende non solo dall’accordatura delle corde, ma si differenzia anche in base al punto e alla forza del colpo. Ecco perché è in grado di riprodurre tutta una serie di strumenti a percussione.

Tamburi bongo

I bonghi provengono anch’essi dall’ambiente latino-americano (in particolare da Cuba). Sono formati da una coppia di tamburi collegati, di dimensioni piuttosto piccole. I bonghi si suonano con la punta delle dita e, per questo motivo, rappresentano uno strumento ideale per i bambini.

Tamburi darabouka

La darabouka è il tamburo più utilizzato di origine araba. Si tratta di un fusto in metallo che emette un suono secco e tintinnante. La membrana è il più delle volte in sintetico ma, in casi più rari, può essere anche di pelle di animale.

Boomwhacker

I tubi boomwhacker sono un altro strumento ideale per bambini, o per gruppi di bambini. Grazie ad essi il musicista impara a percepire la ritmica e anche la melodia. Le altezze dei toni sono rappresentate dai singoli colori dei tubi – e questo accorgimento facilita non poco l’impiego dello strumento. Grazie ai boomwhacker è possibile non solo percepire la musica, ma anche sviluppare il senso della cooperazione e del lavoro di squadra. Anche per tale ragione, questo strumento dovrebbe essere sempre parte integrante della didattica musicale.

Il gruppo degli strumenti musicali a percussione è ampio e variegato. Le percussioni sono composte principalmente da diversi tipi di tamburi. In ogni modo, la schiera degli strumenti a percussione comprende anche diversi generi di nacchere, legnetti, campanelli, campanellini e raganelle o ancora tamburelli, claves, maracas, castagnette, triangoli, campane per vacche. Non meno importanti sono poi altre percussioni come: vibrafoni, marimba, xilofoni, campane tubolari o chimes, kalimba o gli apprezzatissimi hang drum.

Le percussioni più famose sono i djembe, bonghi e conga. Spesso si incontra anche il tamburo darabouka arabo, mentre ultimamente si registra un notevole successo del cajón. Un bravo suonatore di cajón riesce a sostituire un’intera batteria classica.

I suddetti tipi di tamburi sono apprezzati per la loro universalità – trovano infatti applicazione in tutti gli stili musicali. Tutti questi strumenti sono inoltre adatti anche ai principianti.

Agli appassionati alle prime armi consigliamo i tamburi africani djembe. Molti insegnanti di percussioni li consigliano come primo strumento per i bambini.

Per quanto riguarda i tamburi più piccoli, è possibile prendere in considerazione l’offerta speciale di tamburi per bambini. L’offerta comprende mini-tamburi, legnetti, nacchere, tamburelli, boomwhacker e tutta una serie di altri strumenti adatti per bambini. Addirittura è possibile acquistare anche set di percussioni per bambini già pronti e del tutto completi.

MATERIALI IMPIEGATI Gli strumenti a percussione vengono realizzati soprattutto in legno, ma non mancano materiali metallici, compositi e sintetici. Per le pelli dei tamburi in genere si ricorre a bovini, vitelli o bufali, ma oggi in molti casi si utilizzano materiali sintetici di sostituzione. Le membrane dei tamburi djembe sono quasi sempre in pelle animale. L’accordatura delle percussioni viene eseguita il più delle volte mediante apposite cordicelle o dispositivi meccanici speciali in metallo per tendere o allentare la pelle.
Attendere prego