Non ci raggiungerai dal 13 al 20.9.2019 per motivi tecnici per telefono. Durante questo periodo, comunicheremo con voi solo per iscritto in inglese.

Come scegliere una scheda audio

Desiderate registrare da soli la vostra produzione musicale? Per farlo avete bisogno di una scheda audio. E noi siamo pronti a fornirvi consigli. Per un orientamento più agevole abbiamo preparato per voi la guida Come scegliere una scheda audio.

CONSIGLI PER I PRINCIPIANTI

Se siete solo alle prime armi e vi chiedete quale sia lo standard tra le schede audio, la risposta è: scheda audio USB con almeno due ingressi. Questo dispositivo consente di registrare contemporaneamente e senza problemi, per esempio, il canto e il suono della chitarra o altro strumento musicale. Questo tipo di scheda audio figura tra quelli comunemente più impiegati e assicura esattamente tutte le caratteristiche necessarie – dispositivo portatile e versatile, in grado di comunicare con tutti i computer oggigiorno in circolazione. In caso di necessità i nostri esperti saranno lieti di consigliarvi sulla scelta al numero di telefono 800 790587 (lu-ve 9:00-17:00) o all’indirizzo e-mail

Come funziona una scheda audio


Oggi la musica viene per la maggior parte elaborata al computer. Se si vuole utilizzare un computer per registrare musica è però necessario farvi entrare il suono. I computer hanno già una propria scheda audio, ma questa non è sufficiente per una registrazione musicale di qualità – anzi tecnicamente non è neppure possibile. Le schede audio specializzate non solo offrono maggiore qualità, ma hanno anche degli ingressi per il collegamento di strumenti e microfoni e sono dotate di un preamplificatore, che consente di trasmettere adeguatamente il segnale, in modo da sfruttare al meglio la qualità dei convertitori in fase di trasformazione del segnale da analogico e digitale.


Quando si acquistano schede audio non bisogna assolutamente temere di essere costretti a comprare dispositivi costosi e tra l’altro difficilissimi da collegare e gestire. L’offerta di schede sonore è assai ampia. Esistono schede semplici con uno o due ingressi e due uscite, con comandi del tutto intuitivi; e si trovano anche schede professionali che consentono di registrare dal vivo un intero gruppo musicale con la possibilità di far passare fino a 26 fonti sonore differenti. Nella maggior parte dei casi si collegano mediante cavi USB e molte di esse sono di tipo plug´n´play, vale a dire che il computer le riconosce immediatamente dopo la connessione.

  • 1 - Selettore della caratteristica di ingresso linea/strumento
  • 2 - Comandi dell’amplificazione del segnale d’ingresso
  • 3 - Interruttore alimentazione phantom per microfoni a condensatore
  • 4 - Comando principale del volume per monitor da studio (altoparlanti)
  • 5 - Comando del volume delle cuffie
  • 6 - Uscita per le cuffie
  • 7 - Selettore per l’ascolto diretto dello strumento suonato
  • 8 - Ingresso combinato per microfono (XLR) o strumento musicale (1/4 jack)

Le schede audio possono essere suddivise in base alla modalità di collegamento


Schede audio USB

Nella maggior parte dei casi le schede audio si collegano via USB, benché per le schede più potenti si impieghino oggi anche interfacce diverse. L’USB rimane comunque lo standard ed è assolutamente sufficiente per le schede con quatto o meno ingressi.

Scheda audio FireWire e Thunderbolt

Le schede professionali con numero maggiore di ingressi si collegano tramite le interfacce FireWire o la più moderna Thunderbolt. Queste schede consentono di trasmettere 26 o più canali. Per i piccoli studi di casa questi dispositivi sono però sprecati.







Di quanti ingressi sulla scheda ho bisogno?

Se prevedete di registrare contemporaneamente canto e chitarra, basterà una scheda con due ingressi. Se intendete invece registrare più strumenti alla volta, avrete bisogno di una scheda con più ingressi.

Le schede possono essere collegate a tutti i tipi di microfoni e strumenti. Molte schede sono munite di preamplificatore, ovvero un dispositivo in grado di trasmettere i suoni dai microfoni e dagli strumenti a livelli qualitativamente alti. Gli ingressi così corredati comprendono anche il comando “Gain”, mediante il quale si può impostare il “volume” d’ingresso del microfono o strumento registrato. Gli ingressi microfono sono normalmente muniti di alimentazione phantom ed quindi possibile collegarvi anche microfoni a condensatore. In generale, almeno un ingresso può essere sintonizzato in modalità “alta impedenza Hi-Z”, per la registrazione di chitarre elettriche o bassi.


  • 1 - Ingresso/uscita digitale
  • 2 - Uscite di linea
  • 3 - Ingressi di linea
  • 4 - Connettore USB
  • 5 - Ingresso/uscita MIDI

Come si differenzia la qualità di registrazione delle schede audio?

Le schede più semplici offrono una qualità CD, ovvero frequenza di sampling pari a 44,1 kHz, oppure 48 kHz con risoluzione più profonda a sedici bit. Le schede di qualità superiore hanno una frequenza di sampling pari a 96 kHz e quelle più impegnative arrivano a 192 kHz. Di norma le frequenze da 44,1 o 48 kHz sono sufficienti, ma tutto un altro discorso è quando entrano in gioco profondità di bit superiori che determinano la qualità della digitalizzazione. Le opzioni migliori sono quelle a 24 bit, con suoni più soffusi di alta qualità e mix risultante di gran lunga più intenso.


Accessori

Tra gli accessori base delle schede audio figura il cavo per il collegamento a PC/Mac, di norma fornito in dotazione. Se prevedete di registrare anche vocal, non dimenticate di acquistare un buon microfono. Per il vostro studio domestico consigliamo uno dei microfoni inclusi nella categoria microfoni a condensatore con membrana grande. Per lavorare ancor meglio con i suoni registrati è buona regola ricorrere a monitor da studio, in grado di offrire un ascolto di riferimento del tutto nitido e pulito, proprio come le cuffie da studio.
In genere non è necessario acquistare programmi aggiuntivi insieme alla scheda, poiché le schede comprendono per lo più versioni semplificate di programmi professionali per la registrazione del suono (come Cubase o Ableton). Per le versioni complete di questi programmi fare clic qui.


Tutto chiaro?

Se è tutto chiaro, potrete tranquillamente iniziare a registrare :-). Se invece vi sono ancora aspetti che non vi quadrano e non siete ancora in grado di scegliere, contattateci pure telefonicamente al numero 800 790587 o via e-mail all’indirizzo . I nostri colleghi saranno lieti di aiutarvi nella scelta della soluzione ideale.

Attendere prego