Accordiamo i cookie

I cookie sono piccoli file che vengono memorizzati sul dispositivo da cui si accede al nostro sito Web per vari scopi. Se l'utente consente l'uso dei cookie, la sua visita del sito Web Kytary.it si svolge in perfetta armonia con le sue aspettative.

Centro preferenze cookie

Cookie necessari - Quelli che sono necessari per il funzionamento dell'e-shop

Questi cookie sono per noi quello che gli strumenti musicali sono per i musicisti. Senza di loro, in poche parole non possiamo "suonare bene". Questi tipi di cookie devono rimanere abilitati per permettere all'utente di godere di tutti i servizi del nostro sito Web.

Cookie analitici e funzionali - Quelli che ci servono per eseguire valutazioni

Questo tipo di cookie ci aiuta a tenere traccia di ciò che accade sul nostro sito Web, nonché a valutare il modo in cui i nostri clienti utilizzano il sito.

I cookie analitici e funzionali possono tenere traccia, ad esempio, del tempo che i clienti trascorrono sul sito o degli altri siti Web che visitano.

Grazie a questi cookie, possiamo "accordare" il nostro sito Web in base alla nota che preferisce l'utente e, se necessario, perfezionarlo ulteriormente in modo che le funzioni siano soddisfacenti per i nostri clienti.

Le informazioni raccolte attraverso i cookie analitici non identificano alcun individuo.

Cookie di marketing - Quelli di cui abbiamo bisogno per impostare gli annunci

Utilizziamo i cookie di marketing per mostrare all'utente gli annunci che potrebbero essere interessanti in base alle sue abitudini di navigazione. Questi file sono utilizzati da noi o dai fornitori di annunci e possono combinare le informazioni raccolte dal nostro e da altri siti Web visitati in precedenza. Se l'utente decide di cancellare o disattivare questi file, gli annunci visualizzati potrebbero stonare come un'orchestra di liscio a un festival heavy metal.

Come realizzare uno studio in casa

Microfoni da studio, schede audio, monitor da studio – i tre pilastri fondamentali del vostro futuro studio. Oggigiorno le registrazioni in studi casalinghi rappresentano un trend sempre più in ascesa. Oggigiorno le apparecchiature a disposizione sono molte di più. Inoltre anche dispositivi per studi meno costosi offrono alta qualità almeno per la realizzazione di buone registrazioni demo. Avete intenzione di mettere su un proprio studio? Bene, facciamolo insieme. Non ci vuole molto e i risultati di sicuro vi sorprenderanno. Abbiamo preparato per voi una guida dal titolo come realizzare e integrare uno studio di casa.

Per quanto riguarda le scelte potrete rivolgervi ai nostri esperti. Potete contattarci al numero di telefono 800 790587 (lu-ve 9:00-17:00) o all’indirizzo e-mail


La registrazione viene realizzata secondo l’ordine seguente: microfono -> scheda audio -> monitor da studio. Seguiamo questo stesso principio anche per spiegare come costruire uno studio di casa.


Microfono da studio

Negli studi si utilizzano come standard i microfoni a condensatore con membrana grande. Questi microfoni sono progettati in modo tale da captare ogni suono in maniera fedele e con cura dei dettagli. I microfoni a membrana grande sono idonei anche per il canto, chitarre acustiche, suono di casse o combo per chitarre, percussioni, ecc.

Per ulteriori informazioni sulla scelta del microfono si rimanda alla nostra guida all’acquisto Come scegliere un microfono.

Scheda audio Thunderbolt

Subito dopo i microfoni, un altro elemento fondamentale per le registrazione sono le schede audio. Nella scheda audio si possono collegare microfono, chitarra, tastiere o qualsiasi altro strumento o suono. Successivamente, sulla scorta del segnale analogico subentrante attraverso il cavo, la scheda audio crea una traccia digitale, che viene poi trasmessa al computer e al vostro programma musicale (DAW). Un parametro importante della scheda audio è anche il numero di ingressi. Se sapete già che vi basta registrare, per esempio, canto e chitarra, basterà senz’altro una scheda con due ingressi. Per registrare più tracce insieme (per esempio, batteria) avrete bisogno di più ingressi.

Per ulteriori informazioni sulla scelta della scheda audio si rimanda alla nostra guida all’acquisto Come scegliere una scheda audio.

Monitore per studio

Negli studi (compresi studi di casa) non si usano altoparlanti normali, ma i cosiddetti monitor da studio. La differenza c’è e come, e molti esperti di registrazione sono particolarmente sensibile a queste sfumature terminologiche :-). I monitor da studio sono normalmente destinati ad un ascolto ravvicinato e critico. Il loro suono è equilibrato, in modo tale che non “si dia la preferenza” a nessuna banda di frequenza in particolare, offrendo così un ascolto autentico della registrazione da adattare e mixare.

Per ulteriori informazioni sulla scelta dei monitor si rimanda alla nostra guida all’acquisto Come scegliere monitor da studio.

Software musicale e di editing

Dopo essersi procurati un microfono, una scheda audio e i monitor da studio, è ancora necessario acquistare l’ultimo elemento fondamentale per iniziare a registrare il vostro primo brano. Si tratta della cosiddetta DAW o Digital Audio Workstation. Quest’espressione apparentemente sofisticata indica l’insieme di tutti i programmi informatici utilizzati per elaborare la musica al computer. Lo standard per gli studi è il Cubase, mentre i produttori di musica elettronica preferiscono quasi sempre l’Ableton Live.

Accessori per studio

Nel vostro studio di casa non potete fare a meno degli accessori, specie dei cavi. Per collegare il microfono alla scheda audio avete bisogno di cavo XLR per microfoni. Le schede audio si connettono al computer per lo più mediante cavo USB, di norma parte integrante della dotazione di base. Quindi un problema in meno per voi :-). Tra gli altri cavi di cui avrete bisogno figurano quelli per il collegamento dei monitor da studio alla scheda audio. Per tale finalità la scelta migliore sono i cavi simmetrici 1/4 jack – XLR.
Se prevedete di registrare anche canto presso il vostro studio di casa, vi consigliamo un supporto per microfono, pop-filter e paravento acustico. Il paravento acustico forma una specie di semicerchio attorno al microfono, impedendo così rimbalzi sonori indesiderati mentre si canta.

Per ulteriori tematiche della serie “Come scegliere” si rimanda alla sezione dispositivi audio:

Frasi cercate

Categorie

Marche

Attendere prego